2011 – Satanarsa Records

Una fugace quanto interessante apparizione nella scena funeral russa è stata quella dei Lunar Portals of the Astral Mirror, progetto solista di Roman, musicista di Bryansk. Fin dall’ep d’esordio del 2010, Nezyblemaya Vlast Toski, si palesa uno stile ben definito in senso atmosferico che non trae necessariamente linfa dalle principali band moscovite e si nutre, invece, anche di un retrogusto riconducibile ai Mournful Congregation, offrendo un sound per lo più riflessivo e profondo, al netto di qualche sfuriata black, che si snoda lungo tre brani sufficientemente diversi tra loro per giustificare la mezz’ora abbondante di durata del lavoro. Il primo full lenght Pod Shopot I Peniye Prirody Nochnoy, pubblicato l’anno dopo, conferma e rafforza le buone impressioni derivanti dall’ep, con Roman che continua a proporre un’idea di funeral ben equilibrato in cui una soffusa desolazione aveva la meglio sul senso di oppressione tipico di proposte più estreme e soffocanti. Il percorso dei Lunar Portals of the Astral Mirror si chiude nel 2012 con uno split album, ultima tappa di un viaggio astrale dalla parabola breve ma di un certo valore.