Terpomele, musicista di Brest, ha scelto un nickname impegnativo e forse anche ingannevole, visto che decidere di chiamarsi artisticamente come la parte di un organo suggerirebbe sonorità simili, per esempio, agli Skepticism. Al contrario, con questo progetto solista denominato Kno3 (del cui moniker invece non c’è modo di cogliere il significato) il nobile e antico strumento viene utilizzato ma in maniera misurata, lasciando spazio a un sound sicuramente tastieristico ma con un grande apporto del pianoforte e della chitarra, strumenti volti a creare atmosfere malinconiche che spesso entrano in conflitto con brusche accelerazioni, ruvidezze che alla fine si rivelano solo elementi di rottura all’interno di una costruzione sonora di un certo pregio e sostanzialmente priva di sbavature dal punto di vista esecutivo (a parte il growl un po’ piatto) e della produzione.
Through The Mouth Of The Grotesque è infatti un ep in cui gli aspetti positivi superano quelli negativi, che purtroppo si tendono a notare in maniera direttamente proporzionale alla bontà del contesto in cui sono inseriti.
Considerando il buon esito è auspicabile che il bravo Terpomele possa tornare a offrire qualche decina di minuti di buona musica come lo sono quelli contenuti in questo lavoro.