Lelantos è il progetto solista di Bruno Braga, musicista del Rio Grande Do Sul già attivo nei gotici In Absenthia, all’esordio con il full length Akrasia.
Se Lelanto viene identificato da diversi studiosi di miti greci come uno dei Titani, figlio di Urano e Gea, dio dell’aria e quindi in qualche modo associato all’impalpabilità, l’acrasia è in psicologia il termine che indica quell’incapacità di agire, spesso associata a uno stato di debolezza mentale, che porta chi ne subisce le conseguenze a una forma di auto isolamento molto vicina all’intangibilità.
Braga restituisce tutto questo in maniera mirabile e, al netto di un intro strumentale oggettivamente ridondante, si mette in scia all’operato delle migliori band del genere (l’influenza degli Shape Of Despair si materializza sovente, specie nelle parti cadenzate e, se vogliamo, anche per il contributo della voce femminile).