Molto interessanti, anche se con una produzione complessiva che non raggiunge la mezz’ora di durata e una totale mancanza dettagli sulla band, sono gli australiani The Limestone County Chain Gang.
Le “chain gang”, ovvero i gruppi di galeotti incatenati ed impiegati per la costruzione di strade o comunque in lavori forzati all’esterno delle carceri, rappresentano un qualcosa che è sempre stato strettamente connesso con la tradizione blues; Lord, I’m Ready!, il primo ep risalente al 2016, conteneva due tracce davvero molto intriganti in cui i canti dei carcerati andavano a intrecciarsi con una struttura funeral, ottenendo un risultato straniante nonché di grande efficacia. Più convenzionale, per certi versi, è invece la successiva uscita Throw Them Into The Blazing Furnace, Where There Will Be Weeping And Gnashing Teeth, contenente una sola traccia di tredici minuti in cui, dopo un’inquietante intro campionata, vengono esibite sonorità dalla forte impronta drone con il ricorso ad un canonico growl, per un risultato comunque apprezzabile.

2017 – Autoprodotto