Gli Exterior Palnet fanno parte di una scena croata che, riguardo al black metal, sta cominciando a fornire segnali interessanti.

Dorsa rappresenta l’esordio per la band di Zagabria, capace di fare centro al primo colpo con questo breve ma intenso lavoro intriso di un’aura cosmica, parzialmente debitore nei confronti di innovatori quali Deathspell Omega e Blut Aus Nord, ma ugualmente in possesso di una cifra personale che resta ben impressa dal primo all’ultimo minuto dell’opera.
Come sempre accade, lo spartiacque in album di questo genere è costituito dal grado di intensità che i musicisti si rivelano in grado di immettere nel loro sound: fin dalle prime note Dorsa fa presagire che il viaggio interstellare sarà periglioso ma ricco di soddisfazioni, veleggiando senza interruzione tra le sette tracce che lo compongono.
Sia nei momenti più riflessivi sia quando fanno girare i motori a pieni giri, gli Exterior Palnet danno la sensazione di possedere un innato controllo della materia e, oggettivamente, una traccia come II è una delle cose migliori ascoltate in tempi recenti in ambito black metal, esaltata poi da una registrazione ottimale per la quale i ragazzi croati si sono affidati agli studi di registrazione di Brad Boatright in quel di Portland.
Volendo fare i pignoli, potrebbe non trovare consensi unanimi l’uso della voce, che è una sorta di recitato urlato in stile Mr.Curse degli A Forest Of Stars, ma sinceramente si tratta solo di un dettaglio, all’interno di un disco che convince e sorprende sempre più dopo ogni ascolto, ed è davvero incredibile dover sopportare i continui piagnistei di chi rimpiange i bei tempi andati, quando mai come in questo periodo storico ci sono state così tante band capaci di offrire album di livello superiore alla media.
Dorsa è uno di questi, regalato da una band la cui provenienza da una nazione dalla ridotta tradizione in materia di metal estremo, paradossalmente, favorisce un approccio meno vincolato a modelli ben definiti: da ascoltare come se si trattasse della soundtrack di un film ambientato nello spazio, ma ovviamente senza il canonico happy ending.

Contrassegnato da tag