Golgotha – Erasing The Past

Tra la ventina di band che hanno adottato il moniker Golgotha quella con lo status più importante è senz’altro la creatura fondata da Vicente Paya e Amon Lopez all’inizio degli anni Novanta.
Il gruppo spagnolo ha avuto una carriera denotata da una certa continuità solo in quel decennio, visto che dopo la sporadica uscita del terzo full length New life nel 2005, a sette anni dal precedente, ne sono dovuti trascorrere altri diciotto per poter ascoltare qualcosa di inedito.
Il ritorno della band di Palma de Maiorca è avvenuto quando la scena melodic deatb doom spagnola aveva ormai eletto quali portabandiera gli altri isolani Helevorn e gli Evadne, per cui non era facile reclamare nuovamente lo scettro ceduto dopo un silenzio così prolungato. Erasing The Past non cancella il passato, come suggerirebbe il titolo, ma conferisce ugualmente ai Golgotha una veste più moderna e ammiccante rispetto, consentendo loro di porsi quali valida alternativa all’interno di un movimento ricco sia di nomi affermati che emergenti.
Lopez si conferma un vocalist versatile e personale, mentre la scrittura di Paya appaga l’udito grazie a una serie di brani robusti e allo stesso tempo orecchiabili in cui trova spazio anche l’apporto di alcuni ospiti tra i quali va annotato il nome di Josep Brunet degli Helevorn, alla voce nella terza traccia.
Recuperare il tempo perso non è mai impresa banale ma i Golgotha ,con questo ritorno su lunga distanza, hanno posto le basi ideali per riuscirci.

2019 – Xtreem Music