I texani In Oblivion si sono ritagliati in pochi anni una certa fama grazie a due ep e un full length ben riusciti; nata sulla spinta di Justin Buller (chitarra, tastiere e voce), la band ha esordito nel 2015 con l’ep auto intitolato basato su un funeral tradizionale e pesante. Il buon ep preludeva a qualcosa di interessante su lunga distanza e ciò avveniva nel 2018 con Memories Engraved In Stone, in cui il quintetto di Austin provava con un discreto successo ad ammantare di un velo cupo ed impenetrabile il proprio sound, anche se le cose andavano meglio quando il tutto si faceva più rarefatto e atmosferico piuttosto che nei momenti più ruvidi. L’ep Oblivion, propedeutico all’uscita di un nuovo full lenght, presenta una sola traccia che denota ulteriori passi avanti in senso melodico con una band molto abile nell’assecondare la buona scrittura del leader.

2020 – Black Lion Records