I russi Inner Missing sono una band piuttosto prolifica, dato che in poco più di un decennio di attività hanno pubblicato ben otto full length.
Partito con un death doom di livello buono ma non imprescindibile, il gruppo guidato da Sigmund, al secolo Pavel Krasnov, è approdato negli ultimi anni a una forma convincente di gothic metal che trova un consolidamento con questo ultimo Deluge, lavoro in cui il leader è accompagnato dalla moglie Melaer (Alexandra Krasnova). La presenza femminile non implica l’utilizzo di tonalità eteree, dato che il comparto vocale è del tutto appannaggio del bravo Sigmund, dotat di un timbro profondo e piacevole. Deluge è un lavoro che per sua natura non lascerà segni indelebili nella storia del genere ma è davvero godibile in tutti i suoi tre quarti d’ora di durata e, cosa non da poco, invece di accantonarlo dopo il primo passaggio nel lettore fa venire voglia di riascoltarlo per goderne nuovamente dell’ottimo afflato melodico.

2020 – Inverse Records