La Tunisia in ambito metal fino a oggi si era ritagliata uno spazio importante grazie ai Myrath, formidabili interpreti di un power prog metal sinfonico unico per le sue perfette contaminazioni con la musica araba.

Da qualche anno nel paese nordafricano si sta muovendo anche Fedor Kovalevsky Souissi, un musicista di madre russa e padre tunisino, che  aveva  già pubblicato con il moniker Omination un ottimo album come Followers Of The Apocalypse nel 2018. La visione apocalittica di Fedor riguardante il mondo in cui viviamo viene  portata alle estreme conseguenze con il recente NGR, acronimo che sta per New Golgotha Republic

In un genere che sovente mette in musica i sentimenti dolorosi successivi all’evento scatenante, NGR è l’evento stesso, è la colonna sonora che viene suonata mentre il mondo si avvia lentamente verso la propria inesorabile rovina; un lavoro impressionante per impatto, dannatamente oscuro e altrettanto e opprimente. Tastiere solenni, un’interpretazione vocale devastante per intensità e un riffing ossessivo creano un insieme di non facile assimilazione, ma la perseveranza premia consentendo di ascoltare quello che, a 2021 appena iniziato, si propone già come uno dei possibili picchi qualitativi dell’anno per il doom estremo

2021 – Hypnotic Dirge Records