Il fatto che John “Suffering” McGovern abbia deciso di non limitare la sua attività musicale alla band che ha fondato, i Chalice Of Suffering, è davvero un qualcosa di positivo vista l’oggettiva bontà dei progetti che lo hanno visto protagonista ultimamente. Infatti, dopo la meravigliosa uscita dei Solemn Echoes in coabitazione con Fabio De Paula degli HellLight, ritroviamo il vocalist statunitense alle prese con un altro lavoro di coppia, questa volta nei Forever Falling con Tullio Carleo, musicista italiano attivo nella scena metal come batterista a cavallo tra i due secoli e rifattosi vivo qualche anno fa con il progetto gothic doom Voyage Noir: un nome certo non tra i più noti in ambito nazionale ma che, con il suo operato come compositore e curatore dell’intera parte strumentale di quest’opera, spazza via prepotentemente ogni iniziale perplessità al riguardo. Il parallelismo con i Solemn Echoes finisce qui, perché quanto melodico e arioso risultava Into The Depths Of Sorrow tanto oscuro e intimista si rivela Suspended Over The Immanent.
Il gothic death doom dei Forever Falling è sovente ripiegato su se stesso, complice l’interpretazione di John che, piaccia o meno, caratterizza fortemente ogni lavoro in cui presta la sua voce; Carleo, dal canto suo, conduce il sound in lidi per lo più rarefatti, privilegiando la creazione di atmosfere avvolgenti ed evocative, che si fanno toccanti nei momenti in cui viene dato spazio alla chitarra solista.
Se talvolta si manifesta qualche passaggio perfettibile, l’intensità e la limpidezza concettuale dell’opera spazzano via ogni dubbio residuo, aprendo all’ascoltatore la via maestra per un ascolto focalizzato sul potenziale carico emotivo di ogni singolo brano, con la coppia centrale My Tears My Life / I Will Never Sleep destinata a consegnare al suolo più di qualche rivolo di lacrime. L’opera prima dei Forever Falling non rappresenta solo una piacevole sorpresa ma è anche l’ennesimo regalo per gli appassionati di queste sonorità, in un annata piuttosto fertile che in autunno riserverà imperdibili uscite da parte di nomi alquanto pesanti.

2021 – MSH Music Group